Misano SlotFreeER

Lodevole iniziativa quella di combattere il gioco d’azzardo, ma il lavoro che va fatto a Misano non si può fermare ad un semplice adesivo da porre sul vetro del proprio locale. L’iniziativa SlotFreeER della regione emilia romagna, mi vede personalmente favorevole. Come m5s a Misano Adriatico abbiamo organizzato, ormai quasi 2 anni fa, una serata a tema Ludopatia, con il Gap e i referenti di Libera Rimini, per sensibilizzare tutta la cittadinanza su un tema così delicato. Mi piacerebbe però trovare delle soluzioni concrete.

Diciamoci la verità, visto che la città la viviamo tutti i giorni, allo stato stato attuale ci sono 2/3 i locali senza slot machines su una 15 bar distribuiti sul nostro territorio. Alcuni hanno delle apposite sale destinate alle slot. Inoltre è presente una sala scomesse Slot/Video Lottery molto grande ed in bella vista (via nazionale, zona conad).

video_lottery

Caffè scommesse Misano

Se pensiamo ai gestori dei bar, non è facile guadagnare semplicemente vendendo caffè e brioches. Le slot comunque, fino ad oggi, hanno garantito delle entrate.

Mi chiedo quindi (nel rispetto della legge regionale n.5 del 4/07/2013 consultabile cliccando qui):

  • Come possiamo contrastare in maniera efficace il problema della ludopatia?
  • Basta una semplice adesivo senza alcun incentivo per il gestore del bar/chioschista che elimina la sua slot?
  • A parte la pubblicità sui social network, quali iniziative si intendono prendere sulla prevenzione di questo fenomeno?
  • In altri comuni (vedi Cesena ) sono state abbassate le tasse in cambio all’eliminazione delle slot. Perché non applicare lo stesso metodo anche da noi?

La ludopatia è una malattia, bisogna prima di tutto informare la cittadinanza su un tema così delicato con serate a tema, percorso didattico nelle scuole e altre attività come previsto dalla legge regionale.

Io personalmente sono d’accordo con l’iniziativa, però bisognerebbe incentivare le attività che toglieranno le slot machines dai loro locali, anche perché dovranno sostituire una fonte d’entrata che non ci sarà più.

Luca Gentilini capogruppo M5S Misano Adriatico

Aggiornamento: si ringrazia il carlino e la voce per la pubblicazione 07/04/2016

   
  

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

A Misano nulla di nuovo

L’amministrazione di Misano ha dimostrato, ancora una volta, di quale pasta é fatta: pasta di calce e cemento. Nulla in contrario ai nobili leganti che da sempre son pane e sviluppo per il nostro territorio. Scorrendo infatti le numerose delibere approvate nell’ultimo consiglio comunale ci si può rendere conto di come questa amministrazione viva semplicemente di presente. Nessuno sforzo viene profuso per piani di crescita e sviluppo di ampio respiro, solo gestione dell’ordinarietà. In una seduta dal tono vagamente soporifero come quella di giovedì 3 marzo, in realtà come tutte le altre in passato, questa giunta ha sciorinato copiosa ordini del giorno variegati come caramelline mille gusti. Si spazia così da tematiche di primaria importanza, come la Protezione Civile, in materia della quale peraltro non si è visto nulla di più se non la dichiarazione di voler organizzarsi a tal fine, ma nei fatti niente di dettagliato ed operativamente valido (per esempio non si è ancora visto il cosiddetto Piano di Protezione Civile), al Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, di cui l’unica cosa sostenibile è che questo comune non farà nulla per migliorare lo sfruttamento delle energie rinnovabili perché ci penserà Hera (La holding degli inceneritori …sic.), senza naturalmente farsi mancare qualche delibera “ad hoc”  spacciata per pubblico interesse.

Naturalmente i “soliti gufi” (leggasi maldicenti e oltremodo malfidenti “grillini”) hanno provato a far notare che il ricorso all’uso di strumenti straordinari come il permesso di costruire in deroga deve essere riservato ai soli casi di edilizia pubblica o privata di interesse pubblico e che negli eccezionali casi in cui vi si facesse ricorso occorrerebbe che l’opera autorizzata comportasse quantomeno un reale ed oggettivo vantaggio per la collettività. La verità è che questa amministrazione preferisce “elargire” deroghe urbanistiche e lotti di patrimonio pubblico, invece di predisporre per la città un nuovo ed aggiornato piano urbanistico, peraltro richiesto dalla legge. Tali mancate scelte comportano comunque un costo per la collettività in termini di assenza di equità e perequazione, mancanza di scelte in termini strutturali e di crescita collettiva, innovazione tecnologica, riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile. Ecco perché questa amministrazione “costa” ai cittadini di Misano Adriatico, ed ogni giorno che passa senza che vi sia il minimo interesse collettivo nella sua azione è un giorno perso per la crescita e lo sviluppo di una cittadina che non avrebbe nulla da invidiare alle vicine Cattolica o Riccione. La verità? La verità è che, ad esempio, Riccione ha appena terminato il piano di cablaggio in fibra ottica per la Banda ultralarga FTTC (Fiber to the cabinet), mentre a Misano non abbiamo ancora iniziato… Non sarà magari per via della famigerata tecnologia Wimax con cui ultimamente molti misanesi stanno purtroppo facendo i conti?

Ma ahinoi gli stessi gufi sostengono che contrariamente occorrerebbero politiche maggiormente ispirate all’interesse pubblico dei Cittadini. Vediamo ora invece le azioni di questa giunta cosa contemplano: svendita del patrimonio immobiliare pubblico destinato all’edilizia residenziale pubblica (che importa se il nostro comune è fanalino di coda a livello provinciale per numero di alloggi popolari), operato con una serie di delibere ed errori, corretti con altre delibere in cui gli errori precedenti vengono chiamati con innocenza “equivoci”. Ma dove si è vista mai un’amministrazione che per vendere lotti pubblici per pure esigenze di cassa commette mille errori tecnici e formali tali da far arrossire qualunque addetto ai lavori? Il bello è che sono tutti atti pubblici e deliberati. Abbiamo evidenziato anomalie e possibili irregolarità ma “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire” e si trincera dietro ad una sua libera interpretazione della cosa pubblica.

Insomma… che dire… Complimenti, a Misano Adriatico nulla di nuovo!

Si ringrazia il carlino per la pubblicazione (08/03/2016)

m5s_comune_internet_hera_paes_edifici

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

La nuova Antenna non sarà un Belvedere…

antenna_santamonica_stadio

Antenna di fronte allo stadio di santamonica

Ci risiamo, si torna a parlare di antenne… Giovedì scorso (26/11/2015) durante il consiglio comunale è stato deliberato un contratto per l’installazione di un antenna alta 18mt. presso località belvedere a Misano Adriatico.
L’antenna sarà installata a poche decine di metri in linea d’aria dagli orti comunali, dal centro del Bianco e dagli abitanti di belvedere (via de Pisis, Modigliani, Carosati e Ottone Rosai) abitazioni che stanno entro il raggio di 200mt.
Noi come opposizione non siamo contrari allo sviluppo delle tecnologie, ma come sempre basta usare il buonsenso. Come è possibile che venga richiesta l’installazione di un antenna con un contratto come quello allegato alla delibera n. 213 discussa e approvata giovedì sera?

Non viene rispettato innanzitutto il regolamento comunale varato diversi anni fa dalla precedente amministrazione (Magnani) per la tutela a livello comunale del territorio da inquinamento elettromagnetico, in secondo luogo si va contro il regolamento regionale (delibera di giunta Regionale del 21/07/2008, n. 1138), quest’ultimo prevede, al capitolo 3, tutta una serie di documenti tecnici che vanno presentati prima dell’autorizzazione. A noi risultano esser stati presentati un contratto, uno schema in scala 1/200 e mappa della zona di installazione (senza informazioni tecniche su raggio d’azione, potenze ecc.ecc.).

Ad oggi chi degli abitanti del Belvedere sa qualcosa di questa antenna? Prima di accettare un contratto del genere che prevede 7.500€ annui nelle casse comunali, deve esser fatta ampia pubblicità ed è necessario un dialogo con i cittadini.  Durante l’ultima riunione della giunta con il comitato di Belvedere si è parlato unicamente della questione rotatoria e dei terreni venduti in asta e non dell’antenna.
Un antenna da 18 metri installata lungo la strada oltre ad emanare campi elettromagnetici è anche molto brutta da vedere. E non crediamo ci sia tutta
questa richiesta da parte dei residenti, basta andar sul posto con un telefonino per provare.

Era proprio necessario autorizzare quest’antenna? Ce ne sono almeno altre 2 nelle vicinanze, in zona autodromo santamonica, oltretutto dello stesso gestore.
La risposta data in consiglio ci ha lasciato molto perplessi. Porteremo le firme in comune e ci muoveremo per evitare che questo scempio avvenga, anche se ormai il via libera del consiglio c’è nonostante le nostre segnalazioni ed il
voto contrario.

 Il gruppo consigliare M5S Misano Adriatico
Luca Gentilini,
Fabio Gennari,
Matteo Piccioni,
Francesca Gennari.
Update: Ringraziamo il carlino e la voce per la pubblicazione sui quotidiani di oggi 03/12/2015
antenne_belvedere_carlino antenne_belvedere_voce
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

ACQUA PUBBLICA – Comunicato stampa

acquapubblicasalerno

Di seguito il ns. comunicato sul tema “Acqua Pubblica” per fare chiarezza e spiegare come sono andate le cose.

Demagogia  : termine di origine greca che indica un comportamento politico che attraverso false promesse vicine ai desideri del popolo mira ad accaparrarsi il suo favore. Questo per il Sindaco Giannini nonché responsabile Atersir per Rimini, secondo quanto riportato dai giornali, è ciò che fanno i sindaci di destra, i comitati di “acqua bene comune” e tutti coloro che vogliono dare peso al 95,35% di elettori che hanno votato per la ripubblicizzazione dell’acqua. La forza politica di opposizione del M5S di tutta la provincia di Rimini ha espresso in tutti i consigli comunali sul tema la volontà di mantenere la parola sul referendum del 2011 sollecitando le amministrazioni nella richiesta di uno studio di fattibilità che valuti la possibilità di una gestione in-house del Servizio Idrico Integrato.

Come sempre si lascia passare il tempo inermi senza impegnarsi nel dare una risposta sensata alle scelte fatte. Lo studio di fattibilità portato da Atersir nel consiglio d’ambito non è un vero e proprio piano economico finanziario ma punta unicamente a mettere in risalto che la somma che i comuni dovrebbero versare ad Hera per rifarsi degli investimenti fatti finora dalla multi utility è oltremodo inaffrontabile per qualsiasi amministrazione ad oggi. Nessuno si è adoperato per trovare soluzioni o forme di finanziamento agevolato, provvedimenti regionali, coinvolgimento della cassa depositi e prestiti, niente di niente! E tutto questo perché è più semplice dire che una cosa non si può fare piuttosto che impegnarsi per dare seguito a ciò che il PD stesso aveva sostenuto nel 2011, in quel 95,35%, ma che ora, per qualcuno, non ha più lo stesso valore. Perché stare a guardare inermi e arrivare sempre alla scadenza di un periodo lungo 3 anni (siamo in regime di proroga del contratto Hera dal 2012)?

Perché aspettare al varco che i piani finanziari e strutturali vengano fatti da singoli comuni pro in-house invece di appoggiare le richieste fatte nei vari consigli comunali di una maggiore chiarezza, come dovrebbe fare ATERSIR, unica diretta responsabile del settore? Se chi voleva un approfondimento soffre di demagogia, allora chi prende le decisioni senza averci creduto minimamente è quantomeno superficiale e incoerente. La decisione dell’ultimo consiglio d’ambito porterà alla gara europea, dove sicuramente il vantaggio di chi già gestisce il servizio si conta in 113 milioni di euro di investimenti già sostenuti e che invece le probabili concorrenti dovrebbero sborsare.

Tutto in regola, ma l’amaro in bocca rimane per un’occasione mancata dove si poteva dare seguito alla volontà dei cittadini ma questo poteva avvenire solo se chi è alla guida dei comuni (per la maggior parte del PD) ci avesse creduto davvero.

Gruppo consigliare M5S Misano Adriatico

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.5/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: -1 (from 1 vote)

Comunicato stampa sulla fondazione 

Il M5S, resta fermamente contrario alla nascita di questa fondazione, dato la poca chiarezza con cui è stata fatta e condivisa. Ci teniamo a specificare che sin dall’inizio i promotori della fondazione, avevano optato per non stipendiare il direttivo, quindi il lavoro del presidente, perciò non la prendiamo come una rinuncia dello stipendio. Altro che volontariato! Qui si parla di arruolamento. I soldi che vengono messi sulla fondazione derivano dal contributo dei partecipanti in piccola parte ed il comune ( perciò tutti i cittadini Misanesi) mette 38.000 €, senza alcun parere e/o confronto. Il direttivo non è stato scelto a caso, ma è tutto nella loro compagine senza novità alcuna. ( vedi presidente e vice ) persone già conosciute a Misano in termini di politica (Bellettini sia per Misano Eventi, ma anche perché è un geometra che tuttora lavora su Misano, oltre che essere stato candidato alle ultime elezioni politiche per il comune di Tavoleto, mentre la vice Presidente, Pala, è la madre dell’ex assessore Bertuccioli). Vorremmo vedere come verranno spesi nel dettaglio gli introiti della tassa di soggiorno, ( che come ha detto il funzionario comunale, tutt’ora deve essere riscossa la quota di giugno ). Noi daremo battaglia finché verranno spesi per riqualificare Misano, il lungomare e le aree turistiche. ( Il gettito e’ destinato a finanziare interventi in materia di turismo,manutenzione,fruizione e recupero beni culturali e ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali,come indicato in modo specifico nel suddetto regolamento). Inoltre valuteremo, ogni azione di controllo per questo nuovo organismo perché, “spesso in Politica le fondazioni non garantiscono la trasparenza e l’informazione, che dovrebbero dare, dato la delicatezza del ruolo che rivestono”.
Il gruppo consigliare M5S Misano Adriarico

In risposta all’articolo pubblicato ieri sul resto del carlino

 

fondazione

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.5/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Tagli alla TASI per i cittadini che puliscono i parchi

A settembre tutto riparte, e bisogna rimboccarsi le maniche…  e,  visti i problemi che ci sono stati quest’estate, con le innumerevoli lamentele sia di persona che sui social network sulla gestione del verde pubblico della nostra città, abbiamo deciso di proporre una Mozione per tagliare le tasse ai cittadini che lavoreranno per mantenere pulita Misano.  A Modena il M5S ha fatto approvare in consiglio un regolamento per tagliare la TASI a chi si adopererà per tener pulito il centro storico, le piazze e le zone verdi:

http://www.modenatoday.it/politica/baratto-amministrativo-m5s-modena-sassuolo.html

Pensiamo sia un atto dovuto, portare il baratto amministrativo, anche nella nostra città.

Alcuni cittadini molto bravi e volenterosi hanno iniziato a farlo (a gratis) e sinceramente non mi sembra corretto non strutturare un regolamento per una questione del genere di primaria importanza per Misano.

Ecco l’articolo uscito oggi sul carlino (grazie per la pubblicazione).

Buona lettura e buona giornata,

Luca Gentilini – Capogruppo consigliare M5S Misano Adriaticoarticolo carlino 26082015

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Gestione servizio illuminazione pubblica

Stiamo lavorando da tempo, con un gruppo di lavoro interno agli attivisti, allo studio delle nuove soluzioni per l’illuminazione pubblica.

Tra i documenti, ne vorremmo condividere uno assieme a tutti voi. E’ un documento lungo ma interessante e con molti dettagli perché traccia le linee guida sull’affidamento del servizio e sulle varie tipologie di società.

E’ molto importante che tutti ne vengano a conoscenza perché c’è dentro l’ABC di come può essere gestito un patrimonio comunale finalizzato al risparmio energetico,
dalle possibili forme “in house” alla ESCO, dai certificati bianchi ottenibili, ai piani di ammortamento.
Insomma una vera guida, che poi in senso generale vale anche per altri fonti, penso ad esempio all’acqua pubblica!
Porteremo questi argomenti in commissione per condividere e cercar di spronare l’amministrazione e la maggioranza sull’importanza di un rinnovo del servizio e di uno sviluppo innovativo della nostra città.

Download (PDF, 3.19MB)

Luca Gentilini

Capogruppo consigliare gruppo M5S Misano Adriatico

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

L’ultimo consiglio

In realtà è l’ennesimo consiglio che diamo alla maggioranza, cioè quello di firmare la “carta di avviso pubblico” così com’è, senza modifiche degli articoli che ne vanno a snaturare il significato. Tutti i comuni e le persone firmatarie, sono populisti e demagogici come noi? Può darsi, ma se non avete nulla da nascondere dovete firmarla così com’è.

Qui il link al progetto: http://www.avvisopubblico.it/home/progetti/progetti-in-corso/carta-di-avviso-pubblico/

Di seguito invece il filmato dell’ultimo consiglio

Buona visione e buona giornata,

Gruppo Consigliare

M5S Misano Adriatico

 

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: -1 (from 1 vote)

Buon ferragosto a chi lavora!

chaplin_tempi_moderni

Ieri, ci è arrivata questa mail che pubblichiamo di seguito.  Abbiamo già risposto a chi ci ha scritto per dare le informazioni sulle legislazioni comunali e regionali su questo tema. Le aziende hanno “diritto ad aperture 7 giorni su 7” essendo il nostro un comune che ha come attività principale il turismo. Stiamo lavorando anche in commissione lavoro su questi temi con i nostri cittadini in parlamento, un esempio lo potete trovare qui

Ciao,

 volevo chiedere a tutti voi del movimento se è possibile che il comune possa regolare le chiusure festive degli esercizi commerciali.
Io sono una commessa arrivata allo sfinimento visto che la mia azienda fa spallucce a tutte le sacrosante feste marcate in rosso sul calendario. Non ho quasi più una vita sociale e familiare ( e così i miei colleghi) visto che il riposo compensativo infrasettimanale non serve per riuscire a passare del tempo con chi si ama. Posso capire i mesi estivi di luglio e agosto e quello di dicembre ma per il resto dell’anno mi piacerebbe avere una vita. So che ci sono leggi che permettono quello che la mia azienda sta facendo, ma so anche che ci sono dei comuni che hanno scelto di “liberare la domenica” e quindi vietare le aperture selvagge. Mi piacerebbe che anche Misano lo facesse. E’ possibile secondo voi? Su scala nazionale mi rendo conto sarà un’utopia, ma almeno il nostro comune può dare un buon esempio di partenza?
Intanto grazie per aver letto questo sfogo.
Spero possiate aiutare tutti quelli nella mia condizione.
Buon lavoro

 

Vorrei far presente a tutti che siamo dalla parte di chi lavora e vogliamo restituire veramente dignità alla parola lavoro e ai diritti di tutti i lavoratori. Un pensiero va  soprattutto a chi lavora in questi caldi mesi estivi.

Buon ferragosto a tutti,

Luca Getilini

capogruppo M5S Misano Adriatico

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

La maggioranza se le canta e se le suona da sola!

 IMG_20150801_150135

“Cronaca di una notte (di consiglio) di mezza estate”


 L’altra sera, 30 luglio 2015, ore 20:45 i consiglieri del Movimento Cinque Stelle di Misano Adriatico, dopo la lettura di un breve discorso, hanno lasciato in silenzio e tutti insieme la sala del Consiglio Comunale.
Questo gesto e stato l’epilogo di una situazione ormai non più tollerabile e frutto di considerazioni che hanno portato il gruppo consigliare all’estrema reazione di prendere la parola subito dopo il primo appello e di abbandonare i lavori senza fornire ulteriori spiegazioni se non quelle lette dal consigliere incaricato Fabio Gennari.


Il Gruppo Consigliare intende fugare ogni speculazione in merito a tale gesto: qualcuno dirà, come è stato detto in sala che il M5S “si sottrae al confronto democratico” o che tiene un atteggiamento “poco democratico”.


Ora, le motivazioni le potete trovare proprio nel breve discorso letto prima di abbandonare l’aula. Discorso che viene qui di seguito allegato proprio per spiegare con chiarezza e trasparenza le vere motivazioni del gesto.
Un sistema democratico richiede un confronto democratico e un rispetto degli altri interlocutori.

Forse è proprio il caso di liquidare la vicenda con un battuta dialettale che, al netto del colore folcloristico disvela la grottesca realtà su quanto sta accadendo sul piano politico misanese: “E brech me livri ui’ha det urcion!” (L’asino alla lepre ha detto “orecchione”!)”.

Alla luce dell’ultima commissione in cui l’unico risultato che si è ottenuto è stato uno show-monologo del sindaco sui temi all’odg. In modo poco educato, prepotente e irriverente, in cui la minoranza provava a ricercare un confronto franco con dati alla mano ed esempi pratici; l’obbiettivo era intavolare un dialogo su temi fondamentali per la cittadinanza come la trasparenza, legalità e rifiuti. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’emendamento presentato dalla maggioranza sulla mozione del “codice etico” che era una vera e propria presa in giro e un insulto per l’associazione “Avviso Pubblico” che l’ha redatto e il pool di esperti, professionisti, e amministratori pubblici che si sono impegnati in questo.
Inoltre è una occasione mancata per il comune di Misano e per questa amministrazione che oltre a vantarsi per bandiere blu e verdi decide di privarsi del vessillo ben più importante che è quello della trasparenza, imparzialità, disciplina e lotta ad ogni tipo di corruzione come la carta costituzionale prevede. Principi fondamentali per una buona politica!!


Con scelta sofferta abbiamo deciso di lasciare l’aula del consiglio comunale, in cui tutti i cittadini misanesi sono rappresentati, ritirando tutte le mozioni in odg. sperando per il futuro in un dialogo più proficuo, utile e di condivisione su temi basilari. In quanto ad oggi constatiamo che Misano è guidato da un padre-padrone, un uomo solo al comando che si erge al di sopra di tutto e di tutti!!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)